La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

EVENTO - I Rettori delle capitali europee si ritrovano alla Sapienza

23-03-2017

Per le celebrazioni dell’anniversario dei Trattati di Roma tre giorni di dibattiti e approfondimenti sui traguardi raggiunti e le nuove sfide nel campo dell’istruzione e della ricerca

Da giovedì 23 a sabato 25 marzo 2017, Sapienza ospita il seminario “The Treaty of Rome after 60 Years. Achievements and Challenges of European higher education” organizzato da Unica, la rete delle università delle capitali europee, la cui Presidenza è affidata all’università capitolina.
L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per l’anniversario dei Trattati di Roma, è occasione per ripercorrere la trasformazione e la crescita dell’istruzione universitaria, che grazie alle politiche di mobilità messe in atto dall’Europa, ha contribuito profondamente a rafforzare il senso di appartenenza alla comunità sovranazionale.
Il dibattito prevede una riflessione attenta sul ruolo che l’università come sistema può svolgere nel superamento della crisi di valori identitari e dei nazionalismi striscianti.
“L’Europa ha portato in dote alle nuove generazioni gli scambi Erasmus, i programmi Horizon 2020, i finanziamenti alla ricerca di eccellenza con l’Erc: è un bagaglio di possibilità, forse nemmeno immaginato 60 anni fa, che è nostro dovere garantire a coloro che si affacciano al mondo accademico” sottolinea il Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio “L’impegno di tutti è lavorare per aumentare lo spazio comune in cui le idee possano crescere e svilupparsi”.
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato nel pomeriggio di giovedì 23 marzo al Quirinale i Rettori delle principali Università europee. Dopo gli interventi del Rettore della Sapienza - Università di Roma, Eugenio Gaudio, del Presidente di Rete UNICA - Universities from Capitals of Europe, Luciano Saso, e del Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane - CRUI, Gaetano Manfredi, il Presidente Mattarella ha rivolto un indirizzo di saluto. Erano presenti la Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e rappresentanti del mondo accademico e della ricerca.
Il dibattito proposto nel corso delle giornate è ricco di contributi istituzionali, con gli interventi anche di Antonio Tajani Presidente del Parlamento europeo; Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza; Stefano Gozi Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli affari europei; Antonio Martino, politico e accademico, già Ministro degli Affari esteri.