La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

EVENTO - Celebrazioni per i 150 anni di Pirandello

26-06-2017

A centocinquanta anni dalla nascita di Luigi Pirandello le tre Università statali di Roma ricordano l’opera dello studioso siciliano

A centocinquanta anni dalla nascita di Luigi Pirandello le tre Università statali di Roma ricordano l’opera dello studioso siciliano attraverso una serie di iniziative e con un convegno internazionale. Il 28 giugno 2017 è ricorso l’anniversario della nascita del drammaturgo, le cui opere sono tra le più rappresentate in Italia e all’estero; insieme a Dante e Shakespeare è l’autore più letto e tradotto nel mondo. Nel 1934 è stato insignito del Premio Nobel per la Letteratura.

A inaugurare la prima giornata di studi internazionali è stata la Sapienza, dove Pirandello fu per un breve periodo studente e poi professore ordinario di Lingua italiana, stilistica e precettistica e studio dei classici presso l’Istituto di Magistero.

Ospite della manifestazione, il Presidente del Senato Pietro Grasso. Alla giornata di apertura, presieduta dai rettori delle tre Università, hanno partecipato il sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo Antimo Cesaro; il sindaco di Agrigento Calogero Filetto; il presidente del Centro nazionale Studi Pirandelliano di Agrigento Stefano Milotto; il presidente dell’Istituto di Studi Pirandelliani e sul Teatro contemporaneo di Roma Paolo Petroni.

I lavori sono proseguiti con una tavola rotonda coordinata da Emiliano Morreale, Luca Mazzei, Gabriele Pedullà docenti della Sapienza, di Tor Vergata e di Roma Tre. Durante la giornata di studi sono intervenuti Roberto Andò e Marco Bellocchio registi, sceneggiatori e scrittori, Iaia Forte attrice di cinema e teatro, Tommaso Le Pera fotografo di scena e Federico Tiezzi attore, drammaturgo e regista teatrale.
Gli incontri successivi si sono tenuti rispettivamente nelle Università di Roma Tre e “Tor Vergata”. A coordinare i lavori delle tre giornate sono stati i docenti: Beatrice Alfonzetti e Roberto Giglucci per la Sapienza, Rino Caputo e Florinda Nardi per “Tor Vergata”, Simona Costa e Roberto Salsano per Roma Tre.

Il convegno fa parte del ciclo di eventi promossi per il 150° anniversario dalla nascita di Pirandello che coinvolge, oltre Roma, anche Philadelphia, Salonicco, Anzio, Zurigo, Lovanio, Johannesburg, New York, Dublino, Berlino, Monaco di Baviera, Vienna, Palermo, Agrigento. L’intento delle varie iniziative è quello di indagare e valorizzare l’attualità pirandelliana attraverso lo studio e la ricerca.

Le tre Università romane hanno voluto celebrare questo anniversario anche attraverso iniziative dedicate a Pirandello e alle sue opere nell’ambito dell’attività didattica programmata per quest’anno e per l’anno prossimo. Gli atenei hanno voluto così ricambiare il forte legame che univa lo scrittore siciliano alla città di Roma che scelse, non solo come sede universitaria, ma anche come luogo di lavoro e di abitazione.

 

Il Consiglio scientifico internazionale: Beatrice Alfonzetti, Maria Gabriella Caponi, Rino Caputo, Paola Casella, Marina Castiglione, Domelisa Cicala, Simona Costa, Fausto De Michele, Matteo Di Gesù, Angelo Fàvaro, Roberto Gigliucci, Thomas Klinkert, Florian Mehltretter, Stefano Milioto, Florinda Nardi, Daragh O’Connel, Michael Rössner, Roberto Salsano, Lisa Sarti, Alessandra Sorrentino, Michael Subialka, Bart Van den Bossche, Anita Virga, Zosi Zografidou.