La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Passaggi di corso di studio

Art. 39 - Passaggi ad altro Corso di studio

1.  Solo verso corsi di ordinamento 270/04. Gli studenti iscritti ad un Corso di studio della Sapienza, anche antecedenti all’ordinamento 509/99, possono passare ad un altro Corso di studio della Sapienza se sono in possesso dei requisiti di accesso previsti per il corso prescelto e nel rispetto delle modalità di accesso previste per quel corso. Le procedure e le scadenze del passaggio variano pertanto a seconda delle tipologie di accesso, come definito negli articoli successivi. I passaggi possono avvenire esclusivamente a corsi di ordinamento DM 270/04.

2.  Valutazione delle domande. Le domande di passaggio, sempre nel rispetto delle modalità di accesso previste, sono subordinate ad approvazione da parte del Consiglio del corso di destinazione che:

a. valuta la possibilità di riconoscimento totale o parziale della carriera di studio fino a quel momento seguita, con la convalida di parte o di tutti gli esami sostenuti e degli eventuali crediti acquisiti; per i corsi ad accesso programmato, il Consiglio valuta anche la compatibilità con il numero di studenti iscritti all'anno di corso a cui lo studente dovrebbe iscriversi in base alla ricostruzione della carriera;
b. stabilisce l’eventuale obbligo formativo aggiuntivo da assolvere entro il primo anno (per i corsi di laurea di ordinamento DM 270/04);
c. indica l’anno di corso al quale lo studente viene iscritto;
d. formula il piano di studi di completamento del curriculum per il conseguimento del titolo di studio.
In relazione alla quantità di crediti riconosciuti, il Consiglio del Corso di studio può abbreviare la durata del corso stesso secondo criteri stabiliti dai regolamenti didattici dei singoli Corsi di studio, in conformità a quanto stabilito dalla normativa vigente. L’anno di corso potrà quindi essere modificato dalla Segreteria dopo la delibera della Facoltà in merito al riconoscimento di eventuali crediti acquisiti nel corso di provenienza.

3.   Presentazione della domanda. Per ottenere il passaggio lo studente deve risultare in regola con il pagamento delle tasse universitarie, regionali e delle eventuali sovrattasse per i precedenti anni di corso.
La domanda in bollo può essere presentata:

  • presso lo sportello della propria segreteria amministrativa studenti negli orari di apertura al pubblico;
  • a mezzo raccomandata postale con ricevuta di ritorno indirizzata all’Università di Roma “La Sapienza” Area Servizi agli Studenti – Settore Segreteria studenti di (Inserire il nome della facoltà di afferenza o della segreteria se interfacoltà) – Piazzale Aldo Moro, 5 – 00185 Roma, allegando copia di un proprio documento di identità valido.

Il modulo è pubblicato sul sito web dell’università www.uniroma1.it alla pagina Modulistica studenti. Le scadenze variano in base alle procedure di accesso previste per il corso a cui si intende passare (vedi articoli successivi).

4.  Versamenti. La Segreteria amministrativa studenti produrrà un bollettino di €65,00 per le spese di passaggio (la tassa è dovuta anche per passaggi tra corsi o sedi afferenti alla stessa Facoltà): il versamento va effettuato con le modalità descritte all’art. 17, entro la scadenza riportata sul bollettino medesimo.

Se lo studente ha già versato la prima rata per il Corso di provenienza la Segreteria produrrà solo il bollettino di €65,00; se invece la prima rata non è stata ancora versata, lo studente dovrà presentare copia della domanda di passaggio e copia della ricevuta di pagamento di €65,00 alla Segreteria amministrativa studenti del corso di destinazione con le modalità previste al comma 3. La segreteria produrrà il bollettino di prima rata per il nuovo corso che andrà pagata entro la scadenza riportata sul medesimo bollettino. I bollettini prodotti dalla Segreteria potranno essere stampati da Infostud con la funzione “ristampa bollettino”.

5.   Esami. Dalla data di presentazione della domanda di passaggio non è consentito sostenere esami di profitto nel Corso di provenienza. A seguito del passaggio lo studente può sostenere esami presso il nuovo Corso a partire dalla prima sessione prevista per le matricole dell’a.a. 2016-2017 (fine primo trimestre/semestre).

6.   Revoca. La domanda di passaggio può essere revocata entro 7 giorni dalla sua presentazione. La revoca non dà diritto al rimborso delle spese di passaggio.

7.   Incompatibilità con il tempo parziale. Non è possibile presentare nello stesso anno accademico domanda di tempo parziale e domanda di passaggio di corso.

8.   Ambito di applicazione. Le norme sui passaggi di corso non si applicano alle Scuole di Specializzazione, ai Master e ai Dottorati di ricerca.