La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

termine per il conseguimento del titolo (vecchio ordinamento)

Art. 34 - Decadenza e reintegro (solo per gli studenti di "vecchio ordinamento", ante DM 509/99)

1.   Quando si “decade”. Gli studenti fuori corso iscritti a Corsi di studio di vecchio ordinamento decadono dalla qualità di studente se non sostengono esami per otto anni accademici consecutivi, a norma dell’art. 149 del R.D. n. 1592 del 31.8.33.

2.   Maggiorazione del 50%. Gli studenti non decaduti, ancora iscritti a corsi di vecchio ordinamento pagano le tasse con una maggiorazione del 50%. Per non incorrere in tale maggiorazione tali studenti possono richiedere il cambio di ordinamento come indicato all’art.36 del presente Manifesto.

3.   Restituzione del diploma. Lo studente decaduto può richiedere presso la segreteria amministrativa studenti la restituzione del proprio diploma di maturità, se consegnato all’atto dell’immatricolazione (i Diplomi in originale sono stati consegnati in Segreteria fino all’anno 1998).

4.   Domanda di riconoscimento degli esami. Gli studenti di vecchio ordinamento decaduti, anche provenienti da altre Università, possono iscriversi a un corso di ordinamento DM 270/04 e presentare domanda di riconoscimento degli esami sostenuti, che saranno rapportati ai crediti previsti dall’ordinamento del nuovo corso. La domanda di riconoscimento, in bollo, va presentata dopo aver effettuato le procedure di accesso previste per il nuovo corso, entro le scadenze previste per l’immatricolazione:

  • presso lo sportello della propria segreteria amministrativa studenti negli orari di apertura al pubblico;
  • a mezzo raccomandata postale con ricevuta di ritorno indirizzata all’Università di Roma “La Sapienza” Area Servizi agli Studenti – Settore Segreteria studenti di (Inserire il nome della facoltà di afferenza o della segreteria se interfacoltà) – Piazzale Aldo Moro, 5 – 00185 Roma, allegando copia di un proprio documento di identità valido.

5.   Versamenti. L’immatricolazione dovrà avvenire nel rispetto delle modalità di accesso e delle scadenze previste per il corso prescelto. Per il riconoscimento degli esami pregressi gli studenti dovranno inoltre versare, entro i termini di immatricolazione previsti per ciascun Corso di studio:
a. un diritto fisso di €290.00 per ciascun anno accademico recuperato fino ad un massimo di €2.300,00, in caso di pagamenti arretrati (gli importi devono essere inseriti manualmente dalla Segreteria). Gli studenti disabili, con invalidità pari o superiore al 66% o in possesso del certificato di handicap ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, verseranno €30.00 per ciascun anno;
b. la prima rata delle tasse di iscrizione per l’anno accademico in corso;
c. la tassa regionale per il diritto allo studio per l’anno accademico in corso.
Il pagamento avverrà mediante il bollettino rilasciato presso la Segreteria amministrativa studenti. Lo studente proveniente da altri atenei dovrà recarsi in Segreteria munito di numero di matricola ottenuto mediante registrazione al sistema informativo Infostud .

6.   Ambito di applicazione. Le previsioni del presente articolo non si applicano agli studenti iscritti alle Scuole di Specializzazione, ai Master di I e II livello, ai Dottorati di ricerca, per i quali valgono le previsioni normative dei relativi regolamenti.