La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Trasferimento da altra Università

Art. 44 - Trasferimento da altra Università

1.   Rispettare le procedure di accesso. Lo studente proveniente da altra Università italiane, da Accademie Militari o da altri istituti militari di istruzione superiore può chiedere il trasferimento ad un Corso di studio di della Sapienza. Il trasferimento è possibile solo a corsi di ordinamento DM 270/04, pertanto qualora lo studente provenga da un corso di un altro ordinamento, sarà iscritto d’ufficio all’ordinamento DM 270/04. Il trasferimento dovrà avvenire rispettando i requisiti e le modalità di accesso previste per il corso prescelto. A tale proposito valgono le norme previste per i passaggi di Corso di studio descritte nel presente Manifesto agli artt. 40, 41, 42. Le scadenze di presentazione delle domande di trasferimento alla Sapienza variano in base alla modalità di accesso al corso prescelto.

2.   Per i corsi che prevedono una prova di accesso (prova di verifica delle conoscenze o prova di ammissione per corsi ad accesso programmato) le scadenze sono determinate nei singoli bandi di concorso o in appositi avvisi pubblicati contestualmente al bando. Si segnalano, per tali corsi, le disposizioni previste al precedente art.41. In particolare, per i trasferimenti ai corsi di laurea in Medicina e chirurgia e Odontoiatria e protesi dentaria, come per tutti i trasferimenti ai corsi a numero programmato, è necessario verificare preventivamente la disponibilità dei posti. A tal proposito, sulla pagina web della segreteria di Medicina e Professioni sanitarie vengono pubblicati appositi avvisi per il trasferimento, in presenza di posti disponibili.

3    Per i corsi di laurea magistrale di durata biennale con verifica dei requisiti e della personale preparazione le domande vanno effettuate entro il 12 dicembre 2016. Entro tale data, gli studenti che intendono trasferirsi ad un corso di laurea magistrale con verifica dei requisiti e della personale preparazione devono pagare anche un bollettino di 10 euro per accedere alla verifica dei requisiti con le modalità descritte all’art.8 del presente Manifesto.

4.   Presentazione della domanda. Per ottenere il trasferimento, lo studente deve presentare domanda all’Università di provenienza secondo le procedure previste da quella Amministrazione e presentare alla Sapienza (entro le scadenze di immatricolazione previste per ciascun corso):

a.   domanda di trasferimento (in carta semplice) redatta sull’apposito modulo pubblicato sul sito web dell’Università alla pagina www.uniroma1.it nella sezione “Modulistica studenti”;
b.   copia della domanda di trasferimento in uscita presentata all’università di provenienza;
c.   autocertificazione del titolo posseduto completo di indicazione degli esami, dei relativi settori scientifico disciplinari (SSD) e crediti.

La domanda in carta semplice può essere presentata:

  • presso lo sportello della Segreteria amministrativa studenti del corso prescelto, negli orari di apertura al pubblico;
  • dal proprio indirizzo di posta elettronica certificata all’indirizzo pec Sapienza protocollosapienza@cert.uniroma1.it ;
  • dal proprio indirizzo di posta elettronica allegando un documento di identità valido.

La Segreteria amministrativa studenti provvederà a richiedere all’Ateneo di provenienza la conferma dei dati dichiarati.
Lo studente dovrà indicare sulla domanda il numero di matricola ottenuto mediante registrazione al sistema informativo Infostud https://www.studenti.uniroma1.it/phoenixreg
Il trasferimento ha corso dalla data di presentazione della domanda.

5.   Versamenti. La segreteria amministrativa studenti produrrà (dopo le necessarie verifiche connesse alle modalità di accesso a ciascun corso) il bollettino di pagamento di €65,00 per il rimborso spese di trasferimento. Dopo il pagamento di questo bollettino, la Segreteria produrrà il bollettino di pagamento della prima rata (o della prima e della seconda rata, nel caso il trasferimento fosse effettuato dopo il 21 ottobre 2016), della tassa regionale per il diritto allo studio e dell’imposta di bollo. Gli studenti provenienti da Università con sede legale nella Regione Lazio che hanno già assolto il tributo per il nuovo anno accademico presso l’Università di provenienza, non devono versare nuovamente la tassa regionale. Lo studente dovrà versare entrambi gli importi entro la data indicata nei bollettini stessi.

6.   Riconoscimento esami. La segreteria amministrativa studenti, una volta acquisiti dall’Università di provenienza i documenti dello studente, provvederà a inviarli alla segreteria didattica per la procedura di riconoscimento. In base agli esiti della procedura di riconoscimento la segreteria didattica provvede ad aggiornare la carriera con gli esami convalidati e a variare, se necessario, l’anno di ammissione.

7.   Gli studenti con titolo di studio straniero devono rivolgersi alla Segreteria amministrativa studenti con titolo straniero dopo l'adempimento di quanto sopra descritto. Si ricorda che i titoli di studio straniero debbono essere perfezionati dalle rappresentanze italiane competenti. Qualora fosse mancante il titolo o non conforme a quanto previsto dagli artt. 21/22/23 del presente Manifesto la documentazione sarà restituita all'università di provenienza.

8.   Revoca. La domanda di trasferimento può essere revocata entro 7 giorni dalla data del pagamento presso questa Università, ottenendo soltanto il rimborso della prima rata delle tasse universitarie.

9.   Esami. A seguito del trasferimento lo studente può sostenere esami a partire dalla prima sessione prevista per le matricole dell’a.a. 2016-2017 (fine primo trimestre/semestre).

10.  Tempo parziale. Lo studente che voglia passare al regime di tempo parziale potrà presentare la domanda a partire dal mese di settembre dell’anno successivo a quello nel quale ha effettuato il trasferimento.

11.  Ambito di applicazione. Gli studenti dei Master e dei Dottorati di ricerca non possono accedere a procedure di trasferimento, mentre per gli studenti delle Scuole di Specializzazione valgono le disposizioni previste al successivo art. 55.