La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Calendario didattico

Art. 26 - Calendario didattico

1.    Attività didattica. L’attività didattica di ogni anno accademico inizia, di norma, il 1° ottobre e termina il 30 settembre.
Il Calendario didattico, approvato da ciascuna Facoltà nel rispetto di criteri generali stabiliti dal Senato Accademico, fissa l’inizio delle lezioni, che, comunque, non può precedere il 14 settembre, e l’articolazione dell’anno accademico in periodi didattici (semestrali, quadrimestrali, trimestrali, ecc), di norma semestrali (art. 22 del Regolamento Didattico ex D.M. 270/2004, approvato dal Senato Accademico nelle sedute del 15 e 29 gennaio, 18 marzo 2008, con delibere del C.U.N del 18 marzo e 16 aprile 2008, ed emanato con D.R. n. 00547 del 3 giugno 2008).
I Regolamenti di Facoltà stabiliscono, nel rispetto del calendario accademico dell’Ateneo, i periodi di svolgimento degli insegnamenti di propria pertinenza e le modalità di definizione da parte del Preside e dei Presidenti dei Consigli di corso di studio del calendario delle lezioni da predisporre, sentiti i docenti interessati, tenendo conto delle esigenze di funzionalità dei percorsi didattici.

2.    Periodi d’esame. Il Calendario didattico deve prevedere tre periodi ordinari di svolgimento degli esami:

a) Il primo periodo ordinario degli esami si svolge nei mesi di gennaio/febbraio, e comunque può iniziare a partire dal termine dell’attività didattica relativa al primo ciclo didattico (semestre); comprende almeno due appelli nei quali lo studente può sostenere tutti gli esami relativi al ciclo didattico appena concluso. L’appello del mese di gennaio può riferirsi all’a.a. appena concluso, mentre l’appello del mese di febbraio può riferirsi solo all’a.a. in corso.

b) Il secondo periodo ordinario degli esami si svolge nei mesi di giugno/luglio, e comunque può iniziare a partire dal termine dell’attività didattica relativa al secondo ciclo didattico; comprende almeno due appelli durante i quali lo studente può sostenere tutti gli esami del secondo ciclo didattico appena concluso e gli esami relativi al primo ciclo precedente.

c) Il terzo periodo ordinario degli esami si svolge nei mesi di settembre/ottobre, e termina comunque prima dell’inizio dell’attività didattica; comprende almeno un appello, nel quale lo studente può sostenere tutti gli esami del primo e del secondo ciclo didattico.

3.   Gli esami si sostengono solo dopo il termine delle lezioni. In base a tale articolazione, pertanto, gli studenti possono sostenere gli esami solo a conclusione delle lezioni programmate (semestrali o annuali), relativi all’anno di iscrizione. Vanno inoltre rispettati gli obblighi di frequenza (se previsti) ed eventuali propedeuticità indicate nel Regolamento didattico del Corso di studio.

4.    Gli studenti iscritti agli anni successivi al primo seguono le norme del comma 2 per l’anno di iscrizione, mentre possono sostenere tutti gli esami relativi agli anni precedenti in qualsiasi periodo.

5.    E’ consentito istituire appelli di esame per gli studenti iscritti fuori corso o che abbiano completato la frequenza a tutti i corsi anche al di fuori dei tre periodi ordinari di svolgimento degli esami.

6.   Termine dell’anno accademico. Gli esami sostenuti entro il 30 gennaio dell’anno solare successivo alla conclusione di un anno accademico sono pertinenti all’anno accademico precedente e non richiedono reiscrizione.