La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Requisiti di accesso alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria

Art. 51 - Requisiti e modalità di accesso alle Scuole di Specializzazione di Area sanitaria

1. Alle Scuole di Specializzazione possono accedere mediante concorso pubblico i possessori del titolo di Laurea Magistrale e dell’abilitazione professionale. Possono partecipare anche coloro che siano in possesso del titolo di laurea specialistica, laurea c.d. di Vecchio ordinamento. o di un titolo di studio conseguito all’estero e dichiarato equipollente dalla scuola ai soli fini dell’iscrizione.

Le procedure concorsuali sono svolte dal Miur a livello nazionale e le graduatorie sono pubblicate sul sito Universitaly unitamente alle scadenze delle immatricolazione ed a quelle degli scorrimenti.
Per ottenere l’immatricolazione definitiva ad una Scuola di Specializzazione lo studente che abbia superato la prova e che si trovi in posizione utile in graduatoria deve seguire le istruzioni pubblicate alla pagina della Segreteria Scuole di specializzazione sul sito www.uniroma1.it

2    La frequenza delle Scuole di Specializzazione di Area sanitaria (con accesso riservato ai laureati in medicina) è regolamentata dal D.Lgs. 368/1999, che prevede che dal 2006 si proceda a:

  • stipulare con lo specializzando uno specifico contratto annuale, detto di formazione specialistica, finalizzato esclusivamente all'acquisizione delle capacità professionali inerenti al titolo di specialista, mediante la frequenza programmata delle attività didattiche formali e lo svolgimento di attività assistenziali funzionali alla progressiva acquisizione delle competenze previste dall'ordinamento didattico delle singole scuole;
  • il contratto non dà diritto all'accesso ai ruoli del Servizio Sanitario Nazionale e dell'Università o ad alcun rapporto di lavoro con gli enti predetti.

3.   Il Decreto Legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante: “Misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca”, all’art. 21 ha introdotto ulteriori disposizioni in materia di “Formazione specialistica dei medici” modificando il D.Lgs. 17 agosto 1999 n. 368.

In particolare le nuove norme riguardano:

  • l'istituzione di una commissione unica nazionale per l’espletamento del concorso;
  • l'istituzione della graduatoria, all’esito delle prove di ammissione;
  • la riduzione della durata dei corsi di formazione specialistica adottata con D.M. n. 68 del 4.2.2015.
  • le norme sulle modalità di svolgimento dell’attività di Specializzazione; diritti e doveri degli specializzandi.