La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Garanzia appelli per eventuale sciopero docenti

25-08-2017

Si comunica che è stato indetto uno sciopero a cui alcuni docenti potrebbero aderire, con conseguenti possibili disagi nello svolgimento degli esami di profitto nel periodo 28 agosto-31 ottobre 2017.

Lo sciopero, dichiarato formalmente legittimo dalla competente Commissione di garanzia, prevede una durata massima di 24 ore nella giornata del primo degli appelli che cadono nel periodo indicato.

Tutti gli esami corrispondenti verranno spostati all'appello successivo che si terrà regolarmente. Verrà assicurato, in ogni caso, almeno un appello nel periodo interessato dallo sciopero.
Sono garantiti, inoltre, gli esami conclusivi del ciclo di istruzione (sedute di laurea).

Le informazioni sul calendario degli appelli, come di consueto, potranno essere richieste alle strutture didattiche e consultate sui relativi siti web.

Eventuali ulteriori aggiornamenti saranno comunicati mediante il servizio mail e su questa pagina.

Nota della commissione di garanzia

In data 28 agosto 2017 è stata diramata alle Università una nota della Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, a firma del Presidente Giuseppe Santoro Passarelli, in cui viene ribadita la legittimità dello sciopero alle seguenti condizioni:

  1. è consentita, nel periodo 28 agosto-31 ottobre, la sospensione del primo appello laddove siano previsti più appelli nello stesso periodo;
  2. deve essere garantita l'organizzazione di un appello straordinario non prima del quattordicesimo giorno successivo a quello dello sciopero solo laddove la sessione d'esame consista in un unico appello;
  3. devono essere adottate tutte le misure necessarie al fine di evitare che l'appello straordinario pregiudichi la partecipazione degli studenti laureandi alla sessioni di laurea autunnale, ivi compreso l'eventuale differimento della data di inizio di quest'ultima;
  4. deve essere garantita la massima diffusione della comunicazione di tale astensione e delle relative modalità attuative, con particolare riferimento all'erogazione delle prestazioni indispensabili, facendo ricorso anche all'ausilio di strumenti informatici (siti web, posta elettronica e intranet, ecc...).